2

Cosa vedere a Chefchaouen, la città blu del Marocco

Nel nord del Marocco, protetta dalle montagne del Rif, sorge Chefchaouen, la città blu. Per arrivarci bisogna percorrere una strada tortuosa: quando il navigatore segnala che mancano pochi minuti all’arrivo, subito dopo una curva a gomito, appare dal nulla questa macchia azzurra. A quel punto si capisce perchè Chefchaouen è soprannominata la perla blu del Marocco: questo villaggio è un vero gioiello nascosto da verdi e imponenti montagne che fanno da scrigno. Chefchaouen potrebbe essere il luogo perfetto per ambientare una fiaba: passeggiando tra le sue viuzze si può liberare la fantasia ed avventurarsi in voli pindarici, senza paracadute: un momento ti sembra di nuotare in un mare azzurro, poi giri l’angolo, l’azzurro tende al celeste e sembra di passeggiare tra le nuvole.
Se, come me, avete sognato per mesi e mesi di visitare la città blu, arrivati a destinazione non vi resta che abbandonare i bagagli e andare alla scoperta di questa Medina, senz’altro la più pittoresca di tutto il Marocco.
In questo post ho raccolto tutti i miei consigli su Chefchaouen, ed in particolare:
– cosa vedere a Chefchaouen;
– come raggiungere Chefchaouen;
– dove dormire a Chefchaouen.

DCIM101GOPROG0761272.JPG

Continua a leggere

6

Marocco fai da te: informazioni utili, sicurezza, costi e clima

Quando ho annunciato ad amici e parenti che stavo organizzando un viaggio in Marocco, molti mi hanno guardata con aria perplessa e hanno esclamato: <<Perchè proprio il Marocco?>>. So bene che dietro quella domanda se ne nascondeva un’altra, cioè: <<Il Marocco è un Paese sicuro per organizzare un viaggio fai da te?>>. Ovviamente, non voglio prendere il posto della Farnesina, ma il mio intento è quello di raccontare la mia esperienza personale, che è stata più che positiva, ed aiutare altri viaggiatori che sono in procinto di visitare questo Paese meraviglioso. Per questo ho deciso di raccogliere in un unico articolo tutte le risposte alle domande pratiche concernenti l’organizzazione di un viaggio fai da te in Marocco, partendo proprio da quella più spinosa.

DSC_0716

Continua a leggere

0

Marocco: itinerario di viaggio on the road

Il Marocco è uno di quei Paesi che si presta più di altri ad essere esplorato on the road. Non importa con quale mezzo – noi ad esempio, abbiamo mantenuto un profilo bassissimo, scegliendo una Dacia Logan davvero essenziale, che non aveva nè l’aria condizionata, nè i finestrini automatici. Ciò che conta è attraversare il Marocco piano, guardando il paesaggio che cambia fuori dal finestrino: parti che sei nel deserto e a fine giornata ti ritrovi tra colline verdi, oppure vedi la terra declinarsi in mille sfumature di colore, o, ancora, vedi le distese di palme che, dopo centinaia di kilometri, lasciano il passo a foreste di cedri. Per visitare il Marocco tutto e bene, non basterebbero tre settimane, ma, purtroppo, bisogna fare i conti con il calendario e le scadenze, e scendere a compromessi. Noi avevamo nove giorni di tempo e siamo stati favoriti da un ottimo piano voli che ci ha consentito di sfruttare sia il primo che l’ultimo giorno in Marocco: siamo atterrati a Marrakech alle otto del mattino e siamo ripartiti da Fés nel tardo pomeriggio. In questo intervallo di tempo abbiamo percorso centinaia di kilometri on the road: di seguito descriverò dettagliatamente le singole tappe del nostro itinerario, indicando le distanze e le ore di viaggio (potete scaricare la versione in PDF, senza immagini cliccando QUI).

Continua a leggere